Razza umana

Alè Alè

A volte capita di sentirsi solo, triste e senza energie; in quel momento dico “Alè” “Alè” per aiutarmi a trovare l’energia dentro di me. Quando sento me stesso e credo in me, nulla diventa impossibile. E non mi preoccupo quando gridando “Alè” “Alè” incontro persone che si allontanano: esse probabilmente torneranno. E probabilmente qualcuno si avvicinerà e inizierà ad urlare “Alè” “Alè” con me.
E’ stato proprio il desiderio di incontrare e conoscere persone che con me potessero urlare “Alè” “Alè” ( e questo per me è fare il “politico”) che mi hanno spinto nel cuore del continente nero. Quando sono partito non sapevo bene cosa aspettarmi. E’ stato come un salto nel buio, ma la curiosità e la voglia di conoscere un mondo nuovo mi hanno portato a Nairobi, in un campo per la riabilitazioni di ragazzi di strada. Ho visto cose che pensavo non esistessero, ho visto tanti sorrisi, ho visto anche cose orribili, ho sentito il profumo della savana, ho sentito il tanfo della discarica di Korogocho, ho udito molti “Alè” “Alè”, ho conosciuto persone di ogni genere, ho conosciuto me stesso. Ho imparato molto dalle persone che ho incontrato in Africa capendo che in fondo l’uomo, nonostante la diversità dei contesti culturali, religiosi, degli idiomi, dei percorsi politici, dei sistemi economici tende a pensare e ad agire nello stesso modo. Le affinità risiedono nella natura stessa dell’uomo, nelle sue spinte propulsive, nei meccanismi di difesa, nei suoi limiti e nella sua tendenza a superarli, nelle sue luci e nelle sue ombre. L’assenza di veri confini biologici all’interno della specie umana (come la distribuzione crinale dei caratteri genetici, l’antropologia biologica e lo studio dei flussi migratori testimoniano) è solo la riprova di quanto già agli albori della storia dell’umanità, i primi filosofi e tutti coloro che cercano delle risposte intuirono: l’universalità della natura dell’uomo. Inoltre, una delle cose che maggiormente mi ha colpito dell’Africa, oltre all’enorme povertà e le difficili condizioni di vita, è il forte senso di comunità che si respira. Qui in Europa tutto funziona perfettamente (o quasi) ma le persone sembrano in realtà “funzionare” peggio: l’avere tante cose, avere tanti servizi e comodità, oltre al bene prezioso della vita, ci allontana dalla coscienza piena del nostro essere, dalle altre persone e dalla vita stessa. Invece in Africa, dove nulla funziona, dai trasporti alle infrastrutture, le persone “fanno molta comunità” e così “funzionano” molto bene. In Africa, non avendo nulla, se non la vita stessa, le persone sono pienamente coscienti del valore che essa ha.
Si torna dall’Africa apparentemente uguali ma in realtà si ha una coscienza e conoscenza più profonda di se stessi. Come dice Alex Zanotelli, Comboniano che ha passato diversi anni della sua vita a Korogocho: “Non siete uomini perché avete idee ma siete uomini perché riuscite a relazionarvi con altri uomini e crescete in umanità.” e dunque

“Alè” “Alè”

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s